lunedì 11 dicembre 2017

SFINCI DI RICOTTA DOLCI E SALATE

Anche questo è un mio esperimento....venuto piuttosto bene devo dire.
Ho fatto un asemplice impasto per la pizza che ho usato per entrambe le preparazioni:
Ho unito 350 gr di farina "0" e 300 gr manitoba con 4 gr di lievito secco. Metto tutto nella planetaria con il gancio montato. Aggiungo 350 ml di acqua e 5-6 cucchiai di olio evo. Faccio lavorare fino a quando tutta la farina è inglobata, dopodiché aggiungo 2 cucchiaini di sale e lascio andare fino a quando non si stacca completamente dai bordi restando attaccata al gancio (circa 8 minuti). Adesso rimuovete in gancio e lasciatela dentro il recipiente della planetaria e coprendo con la pellicola e riponetelo sotto la luce del forno a lievitare fino a quando non sarà ora di usarla (più lievita meglio è...minimo 2-3- ore). 
In Sicilia gli sfinci  salati alla ricotta sono rotondi, io mi sono aiutata con lo stampo dei ravioli così che si sigillasse bene la chiusura. Usate una buona ricotta, possibilmente fresca ...io la compro al biologico. Quindi, stendete la pasta coppate prima dei cerchi, mettete sullo stampo del riavolo e riempite con un cucchiaino di ricotta e chiudete pressando bene. Se vi piacciono potete aggiungere i filetti di acciuga, uno per ogni fagottino.

Per l'impasto dolce la proceduta è la stessa ma dovrete unire alla ricotta lo zucchero e le gocce di cioccolata o le scorzette d'arancia candita.

Una volta pronti vanno fritti in olio bollente e profondo fino a doratura. Se volete potete passare quelle dolci in zucchero e cannella.
Una goduria!

PAGNOTTA AI SEMI DI ZUCCA

Mamma mia....quanto tempo dall'ultima ricetta...da quando mi sono innamorata di instagram ho spostato quasi del tutto l'attenzione lì...però resto fedele al primo amore...quindi appena ho un pò di tempo torno ad aggiornare le ricette.
Oggi vi posto quella di questa pagnotta fantastica. I miei esperimenti con i lievitati continuano...e migliorano devo dire!

Iniziate tostando 120 gr di semi di zucca sgusciati in padella e fateli freddare qlc minuto.
A parte sciogliete 1 cubetto di lievito di birra in 650 ml di acqua tiepida con 1 cucchiaino di zucchero. 
Nella planetaria mettete 1 kg di farina integrale, i semi di zucca (lasciatene un pò da mettere per decorare) e l'acqua col lievito. Iniziate ad impastare e alla fine unite 20 gr di sale. Lavorate bene e una volta formata una bella palla omogenea lasciate a riposare per 2 orette nel forno con la luce accesa coperta con un panno.

Passate le 2 ore tirate fuori il panetto e dategli la forma che più preferite. Vi consiglio di farne dei paninetti piccoli, in modo da poterli congelare perchè io ho fatto il filoncino e non avendolo consumato tutto purtroppo ho dovuto buttarlo in quanto la farina integrale non aiuta la conservazione...il giorno dopo era già duro.
Fate rotolare il panetto sui semi di zucca rimasti e incidetelo con tagli obliqui profondi. Lasciate a lievitare un'altra mezz'ora e infornate a 220# per 15 min.e poi a 180° per altri 40 min.

lunedì 22 maggio 2017

TORTA SALATA RICOTTA E SPINACI

Ho visto un sacco di video su youtube di queste torte, sia salate che dolci, da farcire in tanti modi diversi. L'avevo già fatta con la nutella e adesso l'ho provata salata.
Fate bollire 250 gr di spinaci ( io ho usato quelli surgelati), e una volta cotti scolateli perfettamente e uniteli con 250 gr di ricotta, 3 manciate di parmigiano, sale e pepe. Mettete un foglio di pasta briseè in una teglia e versateci dentro il composto stendendolo bene su tutta la superficie. Adesso vi consiglio di vedere il video che ho visto io per capire come fare i tagli.  Poi infornate a 180° per circa 15-20 min. Secondo me mangiato freddo e molto meglio che appena sfornato!

PESCE SPADA A'GHIOTTA

Ho rubato questa ricetta da una mia amica...avevo visto solo la foto e già mi era venuta l'acquolina in bocca...ho chiesto subito la ricetta ed eccola qui.
Comprate delle belle fette di pesce spada, lavatele e mettetele in una padella abbastanza capiente con un filo d'olio. Scottate entrambe i lati e aggiungete uno spicchio d'aglio, dei pomodorini tagliati, una manciata di capperi, olive. Adesso sfumate con 1 bicchiere di vino bianco e lasciate cuocere con un coperchio per non più di 15 minuti. Poco prima di servire aggiungete del prezzemolo fresco tritato. 

PENNE ALLA CRUDAIOLA

Primo piatto semplicissimo che di solito faccio quando non ho proprio voglia di cucinare.
Vi bastano un paio di pomodori datterini e uno spicchio d'aglio. Mettete un filo d'olio in una padella e fateci rosolare l'aglio qlc minuto. Aggiungeteci i pomodori tagliati a spicchi anche un pò grossolani, basilico, sale e pepe e lasciateli disfare per circa 10 minuti. Intanto cuocete la pasta. Una volta cotta scolate tenendo un pò d'acqua di cottura da parte da aggiungere al sugo e saltate tutto in padella. Aggiungete del parmigiano per mantecare leggermente.

CROSTATA DI FRUTTA

Scegliere che dolce fare dopo un pranzo della domenica è sempre un problema...bisogna deliziare il palato senza dare la mazzata finale...soprattutto adesso che inizia a fare caldo. Io credo che questa sia una delle scelte migliori...il grande classico...la crostata di frutta.
Iniziamo preparando la crema pasticciera, consiglio di farla anche la sera prima così si sarà ben solidificata. 
Direttamente in un pentolino ho messo 2 tuorli, 3 cucchiaiate di zucchero semolato, 2 cucchiai di fecola di patate e una bustina di vanillina. Mescolate con le fruste per evitare i grumi e adesso aggiungete 400 ml di latte (a temperatura ambiente) e continuate a mescolare. Mettete sul fuoco dolce e mescolate lentamente. Aggiungete la scorza di un limone che poi toglierete alla fine. La crema sarà pronta quando vedrete che si attacca al cucchiaio. Lasciate raffreddare coprendo direttamente a contatto con la pellicola. una volta fredda ho aggiunto 100 ml di panna montata (facoltativo).

E' il momento della frolla:  Lavorate 2 uova con 200 gr di zucchero facendoli montare bene. A parte ho unito a 500 gr di farina la scorza grattugiata di 1 limone e di mezza arancia, 250 gr di burro e ho iniziato a sgranare con le mani. Dopo ho aggiunto il composto di uova e zucchero e ho iniziato ad amalgamare il tutto. Formate una palla liscia da far riposare in frigo per un pò prima di stenderla. Fate una cottura in bianco (con carta stagnola e legumi sopra) per 15 min circa, giusto per dorare. Anche se vi sembrerà morbida lasciatelo freddare e si indurirà al punto giusto.
Adesso affettate tutta la frutta che più vi piace, chiaramente cromaticamente affine e siate artistici ed infine assemblate il tutto... Ricoprite la frutta con un velo di glassa lucida fatta semplicemente con acqua e zucchero a velo.


giovedì 13 aprile 2017

CASTAGNOLE ALLA CREMA

Prima cosa da fare è la crema pasticcera che trovate QUI . 
Per l'impasto delle castagnole, unendo gli ingredienti uno per volta, mettete in una terrina 2 uova, 50 gr di zucchero, 50 gr di burro, 250 gr di farina e mezza bustina di lievito per dolci. Iniziate ad amalgamare con un frullino e poi a mano. Staccate delle piccole palline dall'impasto. Friggete in olio profondo poche per volta. Vedrete che inizieranno a gonfiarsi e dorarsi. Scolatele e lasciatele freddare. 
Adesso mettete la crema in una sac a poche con la punta da riempimento e riempite le castagnole. Una volta piene fatele rotolare nello zucchero a velo.

mercoledì 1 marzo 2017

MASCHERINE DI CARNEVALE

Per la base di frolla al cacao usate la ricetta che trovate QUI. Scaricate da internet e ritagliate la foto di una mascherina che più vi piace...la più semplice possibile perchè i dettagli saranno difficili da riproporre. Una volta che stendete l'impasto appoggiateci sopra la mascherina ritagliata e seguite i contorni con un cutter. Infornatele a 180° per 15 min. Una volta sfornate decoratele come preferite. Io ho usato il cioccolato bianco e gli zuccherini colorati.
Queste sono quelle usate da me.

DANUBIO SALATO


Perdonate le immagini, tipicamente natalizie, ma questa ricetta risale alla cena di Natale...diciamo che sono leggermente in ritardo!!!
Dopo aver provato il Danubio dolce non potevo non provarlo anche Salato.
Mettete nella planetaria 550 gr di farina manitoba, mezza bustina di lievito secco, 30 gr di zucchero, 230 ml di latte tiepido, 50 ml di olio, 1 uovo. Aziono la Planetaria col gancio e inizio ad impastare. Appena si inizia ad incordare un pò aggiungo 10 gr di sale e continuare. Una volta amalgamato bene il tutto, metterlo a lievitare coperto con la pellicola in forno spento con la luce accesa per 2 ore. 
Trascorso questo tempo tirate fuori l'impasto e create dei filoncini da cui taglierete dei tocchetti (provando a farli uguali). Appiattiteli con la mano e mettete dentro il ripieno. Io ho usato salsa di pomodoro, melanzana fritta a tocchetti e formaggio filante. Richiudete su se stesso dandogli la forma di un panino e schiacciando bene le estremità. Riponetele man mano una accanto all'altra in una teglia tonda per restare sul classico coperta da carta forno. Io ho dato la forma di Albero di Natale per l'occasione. Lasciate a lievitare altri 40 minuti e poi spennellate con latte e uovo e infornate a 180° per 30 min. 
Vi metto il link della videoricetta di Giallo Zafferano che è quella che ho seguito io.



domenica 29 gennaio 2017

CROSTATA AL CIOCCOLATO E RICOTTA

Per la frolla al cacao:
Lavorate 150 gr di zucchero con 3 tuorli, aggiungere 350 gr di farina, 200 gr di burro a tocchetti, 1 cucchiaino di lievito, 2 cucchiai di cacao amaro in polvere e iniziare a lavorare con le mani cercando di incorporare il burro per bene. Formate una palla e lasciatela riposare in frigo. 

Per il ripieno:
Intanto preparatevi il ripieno. Unite 500 gr di ricotta a 100 gr di zucchero e 1 uovo e iniziate a lavorare con una frullino. Aggiungete le gocce di cioccolato a piacere. 

Adesso stendete la frolla non troppo spessa e rivestite la tortiera togliendo gli eccessi. Versateci dentro la crema di ricotta e con i restanti pezzi di frolla formate le strisce tipiche della crostata.

Infornate a 180° per 25 min. Fate attenzione perchè essendo scura non vedrete se si scurisce troppo e quindi potrebbe bruciarsi.



Io uso lo stesso impasto per fare gli occhi di bue alla nutella (una goduria pazzesca). Apporto una sola modifica alla frotta. Invece di usare 3 tuorli ne uso 2 e 1 uovo intero. I biscotti si manterranno morbidissimi per giorni. Ah...usate anche meno cacao.

PIZZA PARTY

Ormai mi sono appassionata anche alla pizza...ripeto...adoro la mia impastatrice! Io la preparo il Sabato mattina per puoi mangiarla la sera, circa 9-10 ore di lievitazione...seguite il procedimento. 
Non uso sempre le stesse farine...dipende da cosa ho in casa, solitamente unisco 350 gr di farina 0 e 300 gr manitoba con 4 gr di lievito secco. Metto tutto nella planetaria con il gancio montato. Aggiungo 350 ml di acqua e 5-6 cucchiai di olio evo. Faccio lavorare fino a quando tutta la farina è inglobata, dopodiché aggiungo 2 cucchiaini di sale e lascio andare fino a quando non si stacca completamente dai bordi restando attaccata al gancio (circa 8 minuti). Adesso rimuovete in gancio e lasciatela dentro il recipiente della planetaria e coprendo con la pellicola e riponetelo sotto la luce del forno a lievitare fino a quando non sarà ora di usarla. Stendetela su un piano leggermente infarinato e conditela a piacere.

VARIANTE: Lo stesso impasto lo uso per la scacciata catanese ripiena di broccoli salsiccia e formaggio filante.

Le mie pizze preferite sono:

1. Pomodoro, Mozzarella, Melanzane fritte e Uovo sodo.
2. Mozzarella, Patate Bollite e Cipolla.
3. Pomodoro, Mozzarella, Wurstel e cipolla fritti.
4. Pomodoro, Mozzarella e cicoria.
5. Crema di pistacchio, Mozzarella e culatello.



Lo stesso impasto lo uso per la scacciata catanese 


FARFALLE IN CREMA DI ZUCCHINE

Una ricetta per usare la zucchina in maniera un pò meno triste del solito, anche se in realtà questa ricetta l'ho imparata in una delle tante diete fatte....ma devo dire che il gusto non è per niente triste!Provate e mi direte... 
Le uniche cose che vi servono sono delle zucchine che dovrete pelare leggermente (io un pò di buccia la lascio)e tagliare a metà. Mettetele in una pentola insieme ad una cipolla pelata e tagliata a metà e ad un pomodorino tagliato a metà. Fate bollire il tutto per circa 15 minuti e poi scolate bene. Mettete nel bicchiere del minipimer aggiungendo un filo di olio e una presa di sale e frullate. Tenetevi un pò di acqua di cottura se dovesse essere troppo denso. Conditeci la pasta e godetevelo!
CONSIGLIO: Se volete farla un pò più saporita aggiungete pure un cucchiaio di philadelphia.

domenica 4 dicembre 2016

DANUBIO ALLA NUTELLA

 Ricordo di aver detto in qualche vecchio post che ero assolutamente negata per i lievitati. Ecco...forse inizio a cambiare idea. Anche perchè ho finalmente comprato la planetaria e devo dire che aiuta molto.
Questa ricetta è quella di Giallo Zafferano ed è assolutamente meravigliosa e se la conservate adeguata si manterrà per 3 giorni...se non lo finita prima!
Se usate la planetaria montate il braccio a forma di foglia. Versateci dentro 530 gr di farina Manitoba, 30 gr di zucchero, la scorza di un limone o di un'arancia grattugiata, 4 gr di lievito di birra secco (circa 1 cucchiaino). Iniziate a mescolare e con la macchina in movimento aggiungete 230 ml di latte e 1 uovo e 50 gr di burro fuso freddo. Una volta amalgamato il tutto sostituite la foglia con il gangio e aggiungete 10 gr di sale sciolto in 50 ml di acqua (aggiungetela solo dopo aver incorporato il burro bene). Fate incordare l'impasto attorno al gancio. Adesso sfilatelo e formate una palla liscia su un piano imburrato (evitate di infarinare perchè seccherà l'impasto). Mettete a lievitare per 2-3 ore sotto la lucetta del forno. Una volta che l'impasto sarà raddoppiato di volume tiratolo fuori e formate dei filoncini da cui staccherete delle palline di eguale forma. Adesso stendete ogni pallina, una ad una e volta per volta (così da lasciarle lievitare ancora lentamente) e riempite di nutella al centro, riformate la pallina sigillando bene e riponetele una ad una sulla teglia vicine vicine a raggiera. Mettete la carta forno sul fondo mi raccomando. Coprite con la pellicola e lasciate lievitare un'altra ora. trascorso il tempo necessario spennellate con 1 uovo e un pò di latte e finalmete infornate a 160° per 20 min (forno ventilato). Tiratelo fuori appena si dora.

CARNE UBRIACA

Ricetta fighissima per le sue varianti e super veloce.
Fate un soffritto leggero di sedano carota e cipolla e aggiungeteci 800 gr di carne macinata sgranandola con una forchetta. Appena inizia a prendere colore sfumatela con 2 bicchieri di birra, sale, origano e dopo qualche minuto aggiungete della salsa di pomodoro (un trucchetto che darà un spinta di sapore è sostituirla con il ketchup). Coprite e lasciate insaporire e cuocere per 10 min. 
Potete servirla così con un contorno oppure dentro una piadina adagiandoci su qualche fette di formaggio che si scioglierà col calore. Oppure tra due dischi di pasta brisèè da passare in forno come torta salata. Io la adoro!


LINGUINE IN CREMA DI PISELLI E MAZZANCOLLE

E poi mio padre un Sabato mattina torna a casa dalla Pescheria con le Mazzancolle e mi dice "Inventati qualcosa"....e quindi io mi metto all'opera.
Intanto premetto dicendo che è una ricetta semplicissima e di gran risultato.
Iniziate facendo bollire i piselli con un pizzico di sale, e una volta cotti riduceteli in purea con un filo d'olio e un pò d'acqua di cottura. Pulite le mazzancolle e saltatele in padella (con tutto il guscio) con un filo di olio e uno spicchio d'aglio. Una volta cotti, non troppo, pulitene alcune rimuovendo tutto il guschio e lasciatene alcune intere. Cuocete la pasta scolatela al dente e conditela con la crema di piselli e le mazzancolle sgusciate. Aggiungete quelle intere per guarnizione.

PLUMCAKE ALL'ANANAS

Un pò fuori tempo, lo so, ma è una di quelle ricette che mi porto dietro dall'estate, e trovo che per le colazioni sia fantastica, e si può realizzare anche con l'ananas sciroppato quindi ve la potete godere tutto l'anno!

Montate 3 uova con 120 gr di zucchero, aggiungete 100 ml di succo d'ananas (usate quello all'interno della latta se non lo avete fresco o del succo di frutta), 120 gr di olio di semi, 280 gr di farina e 1 bustina di lievito. Lavorate fino ad ottenere un bel composto morbido. Adesso avete due possibilità:
1°. EFFETTO ROVESCIATO: Dovrete foderare la teglia con carta forno e mettere le fette di ananas sul fondo ricoprendole con il composto.
2°. EFFETTO CLASSICO: Potrete tranquillamente imburrare e infarinare lo stampo, versando prima il composto e mettendo le fette di ananas in cima.
Infornate a 180° per 40 min. Sia che abbiate messo le fette in cima o sul fondo la torta va servita cmq con l'ananas a vista.


BRACIOLETTINE ALLA MESSINESE

Per imparare a farle mi sono fatta dare ripetizioni dalla mitica Nonna Rocca e da allora non mancano mai sulla mia tavola. Due sono i passaggi fondamentali per garantirne il risultato:
1°. La carne deve essere sottilissima, quasi trasparente e non tagliata di traverso.
2°. Sigillare l'involtino schiacciandolo nel pugno. 

Mi sono fatta tagliare dal macellaio 1 kg di lacerto sottilissimo. Il mio macellaio ormai lo sa, ma se non lo sottolineate potrebbero darvi la carne troppo spessa che per questo tipo di spiedini non va bene. Ho preparato un composto di pangrattato, origano, aglio in polvere, sale, pepe, qualche pomodoro frantumato(deve uscirne il succo) parmigiano e olio (a volte aggiungo anche la cipolla, oppure potete sostituirla all'aglio per un gusto più delicato). A parte ho tagliato un paio di fette piuttosto spesse di formaggio a pasta filata che poi ho ulteriormente tagliato a listelli. Ho passato la fettina di carne nel composto per entrambi i lati lasciandone un pò dentro, ho messo un listello di formaggio al centro e ho arrotolato su stessa la carne rimboccando bene i lati all'interno per evitare che a cottura fuoriesca il formaggio. Mettetene 5 su ogni spiedino e se potete arrostite sulla carbonella, oppure in piastra.
Specifico che con 1kg di carne vengono circa 6/7 spiedini da 5 braciolettine ciascuno. Io spesso li congelo e assicuro il risultato!

GRATIN DI PASTA AL CAVOLFIORE

La comunissima pasta col cavolfiore con un tocco in più.
Pulire un cavolfiore e bollirlo per circa 20 minuti. Mettete a bollire anche la pasta (con un cavolfiore medio ho fatto circa 350 gr di pasta).Scolate il cavolfiore e con una forchetta pestatelo quasi a creare una crema. Scolate anche la pasta un pò al dente e unitela al cavolfiore in una ciotola aggiungendo un filo d'olio e una presina di sale. Versate in una terrina da forno e coprite con qualche fetta di sottiletta, fiocchi di burro e una spolverata di pangrattato. Infornate a 160° per 10 min sotto al grill.

giovedì 29 settembre 2016

INSALATONA MISTA ESTIVA

Lavate e affettate una lattuga romana e un finocchio. Mettetelo in una ciotola e aggiungeteci 1 uovo sodo a fette, mais, tonno al naturale, scaglie di grana, olive nere. Condite il tutto con olio, sale, aceto e origano. Servite con dei crostini di pane.

PANI CUNZATU


Il pane cunzatu è un tipico cibo da strada siciliano. Non è semplice da riproporre fuori dalla Sicilia perchè non viene bene con tutti i tipi di pane. Di solito qui viene fatto col pane di casa, chiamato "Vastedda", quello col buco, crosta croccante e pieno di mollica per intenderci. 
Mi sono trovata a doverlo preparare a Milano per degli amici e lì panico. Ho provato usando il pane arabo e devo dire che il risultato non è lo stesso ma accettabile.  Ho provato anche le focaccine quelle piatte...stesso risultato...anzi forse meglio...restano più croccanti.
Aprite il pane in due e conditelo con un filo d'olio su entrambi i lati. Riempitelo con fette di pomodoro o con i pomodori secchi, formaggio Tuma, olive nere, acciughe, condite con sale e origano. Questa è la versione classica.
La Focaccina che vi presento è: Galbanone a fette, Pomodoro a fette, Cipollina fresca, Uovo sodo, Olive.
Provatelo!

sabato 25 giugno 2016

LE MIE COOKING CLASS IN COLLABORAZIONE CON NAKE RESIDENZA ARTISTICA


Dall'inizio dell'estate collaboro con la mia amica da sempre, responsabile di Nake Residenza Artistica, in questo progetto delle Cooking Class. 


Dal solo pensiero di poterlo fare ci siamo trovate in pochissimo tempo direttamente in cucina a fare la lista delle cose che ci servivano...e così..."Detto Fatto"!

Cerchiamo di trasferire un pò di "Sicilianità", a quei turisti che oltre ai paesaggi vogliono portarsi a casa un'esperienza unica e divertente che gli farà scoprire e gustare i nostri prodotti tipici, tra fornelli risate e racconti.


E dunque...Take a break....cook with us!

venerdì 24 giugno 2016

BRUSCHETTA AI 5 CEREALI ALL'OCCHIO DI BUE

Per un aperitivo che è poi diventato una cena...un'idea facile e veloce!
Vi servirà una pagnotta di pane ai 5 cereali di quello già affettato. Scaldatelo in forno 5 minuti, basteranno perchè si indurirà una volta fuori. Preparate le uova....se avete tempo una per volta. Mettete un filo d'olio in una padella calda e rompeteci sopra l'uovo, salate e pepate e coprite con un coperchio lasciando cuocere a fiamma bassa per circa 10 minuti. Poco prima di spegnere il fuoco coprite il tuorlo con una sottiletta e qlc goccia di ketchup e lasciate sciogliere a fuoco spento. Adagiate l'uovo sulla fetta di pane e servite subito. 

MEZZE MANICHE ALLA CARBONARA

E chi non ama la Carbonara? Veloce facile e gustoso. Ce ne sono diverse versioni...ecco la mia.
Iniziate lasciando cuocere la pasta. Nel frattempo in un tegame fate abbrustolite 150 gr di pancetta dolce (la ricetta originale è col guanciale) senza olio. A parte sbattete 4 uova (ne uso uno ogni 100 gr di pasta....una porzione), con una punta di latte, 50 gr di pecorino grattugiato, 50 gr di parmigiano, sale e pepe.
Una volta cotta la pasta scolatela e velocemente versateci sopra le uova e la pancetta. Tutto fuori dal fuoco...le uova si cuoceranno col calore della pasta...cercate di mantecare il più velocemente possibile perchè il rischio è che si secchi tutto, e invece deve essere una consistenza cremosa.

lunedì 6 giugno 2016

BROWNIES AL CIOCCOLATO

Dopo aver trovato lo stampo per questo dolce finalmente ho trovato la scusa per provare questa ricetta:
Sciogliete in una pentola 175 gr di burro con 200 gr di cioccolato fondente tagliato a pezzetti, e due cucchiai di cacao amaro in polvere. Una volta amalgamato il tutto lasciare a freddare. A parte montate 2 uova con 120 gr di zucchero e unite il composto al cioccolato, 120 gr di farina e 1 cucchiaino di lievito per dolci. Se avete delle nocciole tritatele grossolanamente e aggiungetele...io non le avevo!
Adesso con un cucchiaino versate poco composto in ogni spazio dello stampo (se non lo avete versatelo tutto come fosse una torta in uno stampo o quadrato o rettangolare e poi taglierete a cubotti. Infornate a 180° per 40 min.


BISCOTTI DI FROLLA MONTATA AL CACAO

Quest anno mi sono fissata con le colazioni...sto provando di tutto...purtroppo aggiungerei! Questi biscottini sono favolosi anche se forse più che per la colazione sono adatti per la merenda.
Lavorate 150 gr di burro per ammorbidirlo (tiratelo fuori almeno 1 ora prima...fatelo perchè io non l'ho fatto pensando di riuscirci lo stesso e ho fatto una fatica pazzesca). Aggiungete 80 gr di zucchero a velo, 1 uovo, 180 gr di farina, 1 cucchiaino di lievito, la scorza d'arancia grattugiata , 40 gr di cacao amaro. Unite gli ingredienti uno alla volta amalgamando di volta in volta. Quando l'impasto sarà bello morbido e omogeneo mettete tutto nella sac a poche e usate una bocchetta abbastanza grande della forma che volete. Fate le forme desiderate e infornate 10 minuti a 180°.

EASYCAKE ALLA NUTELLA

Torta vista e rivista sul web....mi ha incuriosito un sacco la prima volta che l'ho vista è da lì ne ho trovate tantissime versioni...persino salate. Questa è una di quelle cose furbe che piacciono a me, che ti servono quando vuoi portare qualcosa a qualcuno e non hai il tempo per prepararla o da offrire col tè al pomeriggio. La ricetta originale è con la pasta brioche ma io per velocizzare il tutto ho usato la brisèè quindi già pronta. Compratene due rotoli...stendete il primo e ricopritelo di Nutella (abbondate), coprite con il secondo strato e mettete un bicchiere al centro e con il tagliapizza ricavatene dei triangoli partendo dall'esterno verso il bicchiere (come se doveste tagliare una pizza). Adesso arrotolate su se stessa ogni striscia cercando di unire la fine con quella successiva. Togliete il bicchiere e infornare 15 minuti a 180°.

mercoledì 18 maggio 2016

ARANCINI AL SUGO E AL PISTACCHIO

Chiunque abbia provato almeno una volta a farli sa che è un lavoraccio prepararli e che davvero vale la pena andarli a comprare alla tavola calda di fiducia...io ero dello stesso parere fino a quando, contro ogni aspettativa, ho comprato l'arancinotto. Non ci volevo credere...intanto non ho sporcato nulla...la mia manicure è rimasta immacolata, niente mal di schiena....ma soprattutto... finalmente la forma a punta!!!

Allora organizzatevi così:
Preparate il riso (800 gr) e il ragù in anticipo (io ho fatto tutto la sera prima), e appena il riso il pronto dividetelo in due parti. In una aggiungete qlc noce di burro e parmigiano, amalgamate bene e lasciate a riposare coperto con la pellicola. Per l'altra parte avete due opzioni o condirlo con burro fuso, zafferano e parmigiano in modo da avere il riso giallo fuori e il ripieno al ragù dentro; oppure lasciatelo in bianco e l'indomani lo condirete tutto con il ragù così da avere ragù fuori e ragù dentro.
Io ho fritto una melanzana a cubetti che ho messo in quelli al ragù (sempre la sera prima e opzionale)
RAGU': Preparate un soffritto di cipolla e rosolateci 200 gr di carne tritata e fate cuocere per circa 10 minuti. Aggiungete 800 gr di salsa di pomodoro e una manciata di piselli precedentemente bolliti, salate e fate restringere la salsa. 
PISTACCHIO: Unite 100 ml di besciamella a 100 ml di pesto di pistacchio. Scaldateli leggermente sul fuoco.
Adesso l'utilizzo dell'arancinotto: Versateci all'interno un pò di riso e inserite lo stantuffo che crea una vuoto all'interno così da poterci mettere il ripieno (pistacchio mozzarella e mortadella in uno, e ragù melanzane e mozzarella nell'altro) aggiungete un altro pò di riso e il coperchio dell'arancinotto. Sformate e il gioco è fatto. Preparateveli tutti e poi è il turno della pastella.
PASTELLA: 2 uova allungate con un pò d'acqua e qlc cucchiaio di farina (dovrà essere un impasto liquido) Passateci gli arancini e poi tuffateli nel pangrattato. Friggete in olio fondo e bollente.
A me sono venuti circa 23 arancini con queste dosi.

OCCHI DI BUE PER TUTTI I GUSTI...


Da circa due mesetti a questa parte, vista la mia poca soddisfazione nella realizzazione dei cornetti, la mia colazione è praticamente sempre a base di occhi di bue. Ho provato la ricetta di kikakitchen e mi è piaciuta un sacco...l'ho solo modifica leggermente perchè ho notato che con questa modifica i biscotti sono venuti notevolmente più morbidi e friabili:
Ho lavorato 2 uova con 200 gr di zucchero facendoli montare bene. A parte ho unito a 500 gr di farina la scorza grattugiata di 1 limone e di mezza arancia, 250 gr di burro e ho iniziato a sgranare con le mani. Dopo ho aggiunto il composto di uova e zucchero e ho iniziato ad amalgamare il tutto. Formata una palla liscia da far riposare in frigo per un pò. Io sinceramente l'ho lavorato subito xkè uso la carta forno per stenderlo e quindi non si attacca. Dipende dalle temperature, dal calore delle vostre mani...quindi regolatevi. Formate i biscotti e infornate a 180° per 15 min. Devono restare chiari. Io li ho farciti con le Marmellate vellutate della zuegg all'albicocca ai mirtilli alle fragole e alla nutella.
VARIANTE: Con lo stesso impasto ho fatto le cassatelle alla ricotta e gocce di cioccolato. Vi servirà lo stampo per i ravioli. Fate un impasto con ricotta gocce di cioccolato e zucchero (andate a gusto per le dosi), formate il biscotto mettetelo nello stampo e riempitelo con piccole palline di composto. Schiacciate per dare la forma a mezza luna. Ho provato anche a riempirle solo con la nutella ma devo dire che non erano molto morbidi, ma buoni cmq.